vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
Tu sei qui: Home / Il Sistema Museale / Museo di Palazzo Poggi / Collezioni / Collezione d’arte orientale

Collezione d’arte orientale

In questa sala si trovano opere d'arte dell'Asia Orientale provenienti da due collezioni, quella della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e quella del Centro Studi d'Arte Estremo-Orientali, affidate in comodato d'uso al Museo, e delle quali verrà esposta di volta in volta una selezione.

Le xilografie dell'Ukiyo-e (“immagini del mondo fluttuante”) costituiscono un unicum nel panorama dell'arte mondiale. Esse presentano due caratteristiche apparentemente contraddittorie: una produzione di massa, con tirature anche di migliaia di copie, e un altissimo livello qualitativo.

Introdotta in Giappone dalla Cina alla fine dell’VIII secolo, fu all’inizio del 1600 che la tecnica xilografica diventò un’arte vera e propria, favorita dalla pacificazione del paese e dal fiorire di attività economiche svolte da una nuova classe media (i chônin) esclusa dall’assunzione di cariche pubbliche.

I soggetti più frequenti delle stampe (belle donne, attori, paesaggi) rispecchiano le passioni di questa popolazione urbana, che vi ritrovava il proprio gusto per i piaceri profani della vita.

Lo spiccato senso estetico dei giapponesi si rivela fin negli oggetti di uso quotidiano: lacche, bronzi, cloisonné, tessuti, decorati spesso con motivi desunti dal mondo vegetale e animale, testimoniano di un profondo amore per la natura e di una raffinata sensibilità per i cambiamenti stagionali e per le qualità tattili dei materiali utilizzati.