vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
Tu sei qui: Home / Visita / Percorsi SMA per tutti / Dall'Istituto delle Scienze ai Musei dell'Università

Dall'Istituto delle Scienze ai Musei dell'Università

Nel 1711 nasceva l’Istituto delle Scienze di Bologna, luogo di studio e sperimentazione, al centro del dibattito scientifico europeo. Il fondatore, Luigi Ferdinando Marsili, fece della Storia Naturale uno dei temi di ricerca fondamentali all’interno dell’Istituto che, nel 1742, si arricchì dell’importantissima collezione di “cose di natura” di Ulisse Aldrovandi e dei reperti della Wunderkammer di Ferdinando Cospi.


Al Museo di Palazzo Poggi è possibile riattraversare le antiche sale dell’Istituto delle Scienze, per stupirsi davanti al leggendario corno di unicorno, al pesce rondine, al coco de mer, il seme più grande del mondo, e per rivivere il dibattito scientifico sull’origine dei fossili, sulla conformazione della crosta terrestre, sulla classificazione delle specie viventi.


A partire dall’epoca napoleonica la diaspora di queste collezioni, solo parzialmente ricomposte al Museo di Palazzo Poggi, ha dato vita ad altri musei tematici: nel 1860, il grande Museo di Storia Naturale viene definitivamente diviso nei Musei di Zoologia, Geologia e Mineralogia dell’Università di Bologna.


Al Museo di Zoologia è possibile osservare animali provenienti da collezioni del XIX-XX secolo e trofei di caccia africani per conoscere esemplari di mondi vicini e lontani.


Le rocce e i fossili dell’Istituto delle Scienze diedero vita, invece, al Museo di Geologia, diretto per primo da Giovanni Capellini, illuminato geologo italiano che arricchì il museo bolognese con reperti provenienti da tutto il mondo e ancora oggi visibili all'interno degli originali arredi ottocenteschi.


Al Museo di Mineralogia oltre diecimila esemplari di pietre e minerali sono il frutto dell'unione delle antiche collezioni marsiliane con le continue donazioni e acquisizioni avvenute nei secoli successivi. Di grande importanza l'esemplare di "pietra fosforica di Bologna", notissima e ricercatissima dai mineralisti fin dai primi anni del Seicento.

 

Sedi coinvolte:

Museo di Palazzo Poggi, via Zamboni 33, Bologna

Museo di Zoologia, via Selmi 3, Bologna

Museo Geologico "Giovanni Capellini", via Zamboni 63, Bologna

Museo di Mineralogia "Luigi Bombicci", piazza di Porta San Donato 1, Bologna