vai al titolo della paginavai al testo della paginavai al men¨ degli strumentivai all'area di ricercavai al men¨ dei musei

nbsp;

foto rappresentativa del museo

cerca nel sito:

sei in:  [ Mineralogia ] Inizio » Museo di Mineralogia

Museo di Mineralogia

vai al testo della paginavai ai men¨ sulle mostre e gli eventi

Il Museo nacque nel 1860, data in cui il Gabinetto di Storia Naturale dell’Istituto delle Scienze fu suddiviso nelle tre sezioni di Mineralogia, Geologia e Zoologia.
Il materiale mineralogico proveniente da tale collezione fu consegnato al Prof. Luigi Bombicci, chiamato a ricoprire la cattedra di Mineralogia e a dirigerne l’omonimo Museo; continuamente arricchito da donazioni e da un gioco complesso di scambi, la raccolta comprende attualmente cinquantamila pezzi, di cui diecimila esposti ed organizzati in collezioni di varia entità ed importanza: Mineralogica Sistematica, la più ricca e rappresentativa, con i suoi oltre 3000 pezzi esposti; Mineralogica Regionale Italiana, con oltre 2000 esemplari tra i quali si segnala la raccolta degli zolfi delle ormai inattive miniere della Romagna, delle Marche e della Sicilia; Mineralogica-Petrografica del Bolognese, con oltre 800 pezzi anche di notevoli dimensioni, fra i quali i grandi gessi, in tutte le loro varietà ed aspetti, i quarzi a tremia (forse una delle più ricche raccolte al mondo) e la “pietra fosforica di Bologna”, notissima e ricercatissima dagli alchimisti medievali; Petrografica Sistematica; Pietre Antiche e Moderne dell’architetto Sarti, comprendente pietre ornamentali usate in edilizia nel mondo antico e dal Rinascimento in poi, Meteoriti, con esemplari visti cadere dal 1492 ai nostri giorni; Ambre, con alcuni pezzi notevoli per il colore, come quelle della Sicilia (Simetite), o perchè lavorati forse in epoca estrusca.
Raccolte minori, ma significative, sono quelle dei Minerali Fluorescenti, degli Antichi Strumenti Ottici ed infine dei Materiali litici usati dall’uomo fin dalla Preistoria.

 

 
tassello grafico

CSS valido